Mettiamo Radici

“Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi tu vinci” – Mahatma Gandhi

Archivi delle etichette: porcellum

Berlusconi: «Europee, niente preferenze»

Il premier Silvio Berlusconi ribadisce che sulla legge elettorale per le europee bisogna rimuovere il sistema delle preferenze. Motivo? «Dobbiamo mandare in europa dei professionisti delle varie materie nelle Commissioni»

Siam qui ad aspettare di vederli, i professionisti. Ma non solo quelli, io sono alla finestra per le professioniste, soprattutto!

Annunci

Primarie!!!

Il 3 Marzo si vota!!

Almeno questo vale per noi elettori del Partito Democratico, al momento gli unici in Italia ad essere chiamati a votare per scegliere chi ci rappresenterà in Parlamento, cancellando di fatto il peggio dell’attuale legge elettorale, la mancanza delle preferenze.

Grazie PD, sono orgoglioso di far parte di te!

Per un porcellum meno porcelloso, per vincere e per cambiare

porcellum.jpg

Come già accennato in un precedente post, ritengo che l’occasione che abbiamo per distinguere il PD dagli altri in questo momento sia irrinunciabile.

Faccio mia la campagna di Giuseppe Civati e Davide Corritore, che chiedono l’istituzione di caucuses per decidere i candidati lombardi per i Democratici per le prossime elezioni politiche.

Non ci lasciano decidere chi sono i candidati migliori con le preferenze?

E allora le liste aperte ce le facciamo da soli!

Yes, we can!

Sì! Si può!

I prossimi mesi: istruzioni per l’uso

Pare che il Presidente Napolitano voglia dare un incarico a Marini come Presidente del Consiglio dei ministri. Se durerà, lo voglio vedere con i miei occhi. In ogni caso, le elezioni ora come ora mi sembrano allontanarsi.

Che dobbiamo fare ora?

Cercherò di mettere giù due pensieri su cosa fare per i prossimi mesi, sempre che non si vada a votare domani.

PD, cosa deve fare Veltroni?

  1. Continuare a premere sui temi ambientali: se c’è un tema che gli altri non hanno nel loro DNA politico, che proprio non comprendono, è quello della difesa dell’ambiente. Riprendiamocelo, gestiamocelo da noi, visto che lasciarlo in mano ai Verdi negli ultimi anni lo ha fatto andare in malora o quasi, come tema politico. Sicuramente affascinante, perchè coinvolge le persone, visto che le tocca in un aspetto della vita a loro molto più vicino di quanto non sembri.
  2. Continuare nella richiesta di riforme sostanziali dei regolamenti parlamentari, e della Costituzione, che permettano di creare una sola camera legislativa e che personaggi eletti in un partito non ne possano creare un altro non presente sulle schede al momento delle elezioni. L’opinione pubblica deve iniziare a sentire il bisogno “fisico” di queste riforme.
  3. Organizzare in anticipo le primarie per le elezioni politiche: bisogna tenere in conto la possibilità che si vada a votare con il Porcellum (che tristezza di nome), ciò significherebbe che le segreterie di partito dovrebbero scegliere i candidati. Sarebbe un gesto straordinario quello di rendere tale scelta nel nostro partito un puro pro forma, istituendo le primarie per l’elezione alla camera e al senato in tutti i Circoli del PD in via di formazione. Ciò renderebbe enormemente più trasparente la scelta dei candidati, favorendo anche un maggiore ricambio, cosa di cui abbiamo bisogno come l’aria.
  4. Chiedere alle forze politiche a noi più vicine di formulare un programma di governo serio, in dieci punti, più un FAC-simile di Documento di Programmazione Economica e Finanziaria (questo per verificare se avrebbero le palle per mettere le mani nei conti dello stato e non mandarli in vacca). In seguito, verificare se ci sono le condizioni di un’alleanza, in caso contrario si vada da soli, e che gli altri se ne stiano a casa loro, ne abbiamo abbastanza dei rompiscatole.
  5. Investire nei nuovi media, in modo pesante. Il sito del partito è carino, ma ha bisogno di essere rinnovato come un affamato del pane. I forum son moribondi, bisogna riportarli alla vita, con interventi dei maggiori esponenti del partito e di persone che li tengano sempre aggiornati. Se non si capisce di che parlo, date un’occhiata al sito della campagna di Obama.