Mettiamo Radici

“Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi tu vinci” – Mahatma Gandhi

Archivi Categorie: slow-news

Provaci ancora, Renzo!

Magari alla quarta

Annunci

Grazie Michele !

Come si fa a ridere da soli davanti ad uno schermo ?

Così.

“…maybe Al-Qaeda’s more happy”

“Sulla lotta al terrorismo internazionale vedremo Obama alla prova, perché questo è il vero banco di prova. Gli Stati Uniti sono la democrazia di riferimento, portatrice di valori minacciati dal terrorismo e dal fondamentalismo islamico. Su Obama gravano molti interrogativi; con Obama alla Casa Bianca forse Al Qaeda è più contenta”

“On the fight to international terrorism we will see how Obama does, because this is the real table of proof. United States are the democracy to which we refer, that brings values threatened by terrorism and islamic fundamentalist. On Obama linger many questions; with Obama at the White House maybe AlQaeda’s more happy”

This is from an interview to italian radio station, Radio3, on the news program, Gr3, by Maurizio Gasparri, head of People of Freedom’s group in the italian Lower House of the Parliament.

To all the american readers: these are NOT the thoughts of all italian people. Please, when you’ll turn your eyes to Italy, choose carefully your allies, and don’t, I repeat DON’T trust the words of our Prime Minister, Bush’s first ally, Silvio Berlusconi. He always follows the Republican school of thought when it comes to communication to the public.

Giornalismo in Italia

Farlo sul serio sta diventando sempre più difficile.
Ed in ogni caso, l’aggressione alla RAI dice molto su dove stiamo andando, e su chi era dalla parte del torto e della ragione in piazza Navona la settimana scorsa..

Libera informazione

Si può anche non essere d’accordo.

Con quello che dice Grillo, intendo.

Il non essere d’accordo, però, presuppone di aver ascoltato quello che Grillo dice. Risulta difficile farlo, quando tutti i media non prestano attenzione a quello che succede ed al movimento che sta creando.

Per questo, pubblicherò il primo video del discorso tenuto a Palermo di fronte ad una marea di gente:

Per chi vota la mafia?

In un post precedente, in riferimento ad un articolo di Roberto Saviano, avevo detto che il Partito Democratico ha fatto scelte non tanto condivisibili in Sicilia e in altre regioni del sud, nella composizione delle liste.

Per capire di che si parla, leggete questo articolo di Peter Gomez.

Non è possibile che il Parlamento diventi una succursale delle cosche mafiose, non è possibile.

Lo ripeto, magari si poteva anche prendere il 10%, e perdere malamente. Ma almeno i 2-3 parlamentari siciliani che avremmo messo in Senato, sarebbero state persone degne di stima. Sarebbe stato meglio.

Si poteva fare, non è stato fatto.

Hai voglia…

…ad avere 30 senatori di vantaggio. Probabilmente non ne avrà nemmeno 10.

Si può essere eroi a 13 anni ?

Per riflettere

Veltroni e la politica IV